Rss Feed
Tweeter button
Facebook button
Technorati button
Reddit button
Myspace button
Linkedin button
Webonews button
Delicious button
Digg button
Flickr button
Stumbleupon button
Newsvine button
Youtube button

Accettare altre culture!

settembre 15th, 2010

Accettare altre culture (luca de mata ® 2010)

Ero in Spagna in una casa di accoglienza incontrai una bambina dell’Hoduras orfana. Ad un certo punto del Suo racconto mi disse: ” Sai, prima di qui ho sofferto molto” e poi aggiunse “Mi manca molto il mio paese perché qui è freddo e il mio paese è caldo”. In quel quel momento quelle sue precise parole non mi colpirono. Poi, lì vicino, salii su un colle. Vedevo, da lì, la casa dove avevo lasciato il racconto della ragazza e solo allora mi accorgo della enorme distanza che mi divide da Lei. Io che presuntuosamente mi sono sempre sentito conoscitore del mondo. Non basta viaggiare. Lei, la ragazza, mi avava appena detto che qui è freddo. Eppure vedo case basse. Una trrra che generazioni di contadini hanno dato ordine. Lavoro. Competenza. Tutta la Spagna che ho amato, è qui. Per me, per la mia cultura, la mia storia, come per milioni di Europei tutto questo rappresenta il caldo di un popolo, il caldo di tradizioni antiche, di pianure riarse, ma non era per lei, bambina orfana venuta tra noi. E’ difficile accettare che possono esserci altre culture, altri modi di vita, altri calori di umanità e di sole, altri orizzonti, luci, significati di parole. (luca de mata ®2010)

Be Sociable, Share!

6 Responses to “Accettare altre culture!”

  1. Aline 23 Says:

    Ma non diciamo fesserie, io sono cero della mia cultura ed è bene che si inizi a pensare che che troppe persone non sanno neanche che cosa significhi cultura. Non voglio neanche cercare di capire la nostra? ed allora tornino a casa loro. Io non sono razzista, non dobbiamo cacciare nessuno, ma se qui non si trovano bene tornino da dove sono venuti! e non stiano tanto a fare le vittime che noi gli impediamo questo o quest’altro! Noi abbiamo la nostra cultura e le nostre leggi che ci siamo dati in tanti secoli di storia, questa è la nostra reatà!! perchè mai io doveri farmi cambiare la mia vita da loro. Io credo nella libertà e non che uno qualunque mi possa dire questo o quello non si fa! Io rispetto le leggi dell mio Stato cosa mi mettono in mezzo la loro religione. Ma non diciamo fesserie…

  2. Franca Says:

    Mi scusi signor o signora Aline o come si chiama, ma lei, senza offesa, ma di che generazione è? Caro Luca De Mata conitua così!

  3. Oreste G. Says:

    Aline la verità è che è lei che non conosce il significato della parola cultura!Lei non sa che cosa significhi solidarietà! Le auguro ogni fortuna e di non trovarsi mai con il piatto vuoto. lei fa chiacchiere da chi ha tutto quello che vuole, io al posto suo alzerei gli occhi per vedere quale è il mondo nella sua realtà come De Mata lo sta raccontando in questo suo blog. E come diceva Totò:”Ma mi faccia il piacere!…”

  4. ANGELICA FRANCO MALERBA Says:

    BELLISSIMO QUELLO CHE HAI SCRITTO. “ACCETTARE ALTRE CULTURE”…
    LUCA, MA SEI DI ORIGINE SPAGNOLA?
    TE LO VOLEVO CHIEDERE DA UN PO’…
    I MIEI DUE FIGLI VIVONO E LAVORANO A MADRID.
    COMPLIMENTI..( QUANDO PARLAVO DI SENSIBILITA’ E UMANITA0..MI RIFERIVO A QUESTE COSE CHE PUBBLICHI ETCC.9
    ANGELICA F.M.

  5. st35 Says:

    Condivido il giudizio di Angelica, anche se non mi importa dove sei nato, perchè poi contradirebbe quanto hai scritto così bene.

  6. Pier_O Says:

    Angelica sei su FB? ora ti chiedo l’amicizia e ci sei anche tu luca?

Leave a Reply