Rss Feed
Tweeter button
Facebook button
Technorati button
Reddit button
Myspace button
Linkedin button
Webonews button
Delicious button
Digg button
Flickr button
Stumbleupon button
Newsvine button
Youtube button

caption=”copyright foto e testo “luca de mata” ® 2010″][/caption]

Le diversità non siano elementi di divisione. Non c’è libertà senza il rispetto dell’altro.
Se dovessi dare un titolo unico a tutte le mie inchieste per RaiUno potrei direi: “Pianeta: democrazia o dominio?”. Ed è questo! quello che in sostanza emerge con coralità da tutte le testimonianze che ho raccolto in tutto il mondo. Testimonianze di gente comune, e di chi ha responsabilità, ed è guida di religioni che rappresentano milioni di persone.
C’è una domanda cui è dovuta una risposta: perché la diversità diventa odio, ferocia?. Conobbi un’autista in Asia che mi disse: “Jihad non è uccidere il prossimo, ma combattere il male che è in noi stessi” ed i Talebani lo hanno sgozzato: l’autista!
Nelle mie inchieste vivo, cerco la speranze perché la “Verità”, o quella che io penso “verità”, vinca. So che questa è anche la vostra speranza. Ma ci sono anche tutte le mie paure. Che sono anche le vostre paure.
Noi. Tutti noi, non possiamo non domandarci: quale mondo per le prossime generazioni? E più probabilmente questo vale già per noi. Le mie inchieste sono la somma di anni di lavoro, collaborazioni, vicinanze, suggerimenti, fatica materiale di viaggi estenuanti. Lontani. Attraversando tensioni. Incognite. Il pericolo dell’imprevedibile. E tutto questo per trovare una risposta che oggi sempre più mi convinco dobbiamo cercarla dentro di noi. I nostri interessi egoistici, i nostri fanatismi, i nostri fantasmi veri nemici della pace tra i popoli, della tolleranza, della convivenza, del diritto alla libertà! Libertà! che per chi crede Dio ci ha dato! Libertà di credere o non credere in Lui, e non per questo nel Suo Nome o contro il Suo Nome qualcuno mi ammazzi, perché, Dio, Tu mi hai fatto a Tua somiglianza libera creatura nel Tuo Creato. luca de mata © 2010

Essere donna Essere uomo o semplicemente Essere

Foto luca de mata®

Oggi ero ad un tavolo. I pensieri si incrociavano. Culture e storie di origini lontane e diverse. Rispetto l’uno dell’altro. Donne ed uomini di altissimo livello: intellettuale, spirituale, morale, agnostico, politico. Ragionamenti alti. Ho pensato di vivere l’utopia dell’armonia nella ricerca della conoscenza reciproca.Conosco? Conosciamo realmente l’umanità in tutta la sua complessità? Come fare perché flussi di pensiero diversi trovino lo spazio del convivere e del confrontarsi? Affermo che la diversità è una risorsa, ma poi quanto realmente accetto questo mio stesso dichiarare? Molti, tanti, tanti anni fa: la Rai mi affidò un programma di molte puntate che avevano come titolo “Essere Donna, Essere Uomo”. Oggi, forse accetterei di fare quel programma solo se si chiamasse semplicemente: “Essere!”.