Rss Feed
Tweeter button
Facebook button
Technorati button
Reddit button
Myspace button
Linkedin button
Webonews button
Delicious button
Digg button
Flickr button
Stumbleupon button
Newsvine button
Youtube button

Onora il padre e la madre.

giugno 21st, 2010

Onora il padre e la madre.

Foto luca de mata®


Durante un viaggio in Africa una responsabile di un’associazione dei diritti delle donne che accoglie le ragazze vittime dei matrimoni forzati mi disse:
“Sono la responsabile del programma contro questo abuso! Abuso contro la donna e contro tutti i comandamenti e principalmente contro il comandamento Onora il padre e la madre. Con la scusa delle tradizioni locali qui fanno matrimoni senza il consenso della donna; e come tale è riconosciuto. Bastano un cestino di cola, una droga che si mastica o una capra. Oppure si da la ragazza solo perché un capo tribù vuole avere un buon rapporto con un altro capo, e gli si da una ragazza in sposa… E così succede che una bambina di 12 anni è data ad un uomo di 60. Capite?! Questa bambina come può onorare il padre e la madre che la vendono, la barattano con una capra. E che la danno ad un vecchio. E per la libidine di questo vecchio! E poi vanno anche contro il comandamento non rubare…perché a queste creature gli rubano anche la sessualità forzandole nel matrimonio. Le legano, le ragazze! Le legano perché poi queste bambine vogliono fuggire dall’orrore in cui le costringono… Onora il padre e la madre che ti vogliono schiava di un estraneo…fuggono e vengono qui a cercare tutti gli affetti che gli sono mancati. L’amore paterno e materno che gli sono stati negati. Molto probabilmente anche loro figlie di madri vittime di tali orrori. Le nostre leggi qui da noi puniscono queste usanze…ma poi nella realtà è difficilissimo farle osservare. È una schiavitù contro la quale dobbiamo tutti lottare per l’emancipazione non solo delle donne, ma anche della nostra nazione e dell’Africa.”

Un sogno di piccole mani.

giugno 5th, 2010

Un sogno di piccole mani.

Foto luca de mata®

Un sogno di piccole mani che tessono lassù nelle Ande.
“Ho tredici anni, e mi trovo qui da sei anni. In futuro voglio diventare una hostess, perche mi piace volare … per adesso ho imparato a tessere.”
Lei la incontrai in un piccolo orfanotrofio, in una delle mie inchieste, mentre viaggiavo sulle Ande.  luca de mata

 

Da una testimonianza che ho raccolto da una giovane donna africana:

nasceredonna2

(luca de mata 2009 ©)

“Da noi in molte parti dell’Africa, anche se ci sono leggi che proibiscono quanto affermo, nella realtà i diritti della donna ci sono completamente derubati. Ci vendono da bambine e la dote arricchisce la famiglia. La maggioranza siamo lasciate nell’ignoranza. Non decidiamo nulla. Lo stesso marito cui saremo vendute è scelto dalla famiglia… il valore di una donna è diverso da una tribù all’altra. Dipende molto dalla statura. Nella mia se una è alta e grossa, vale 50 vacche, se corta e piccola 10/20. E non è il marito soltanto a pagare ma tutta la tribù, dagli zii paterni e materni, ai fratelli. Non abbiamo nessuna libertà di scelta perché ognuno di loro ha contribuito a comprarci. Tutti hanno dei diritti su di noi.Diventiamo schiave. Siamo merce. Possono fare di noi quello che vogliono. Schiave.”