Condividere la Pace
Rabbi Mordechai Abergel  –  Singapore:…”Se insegniamo la religione nella dimensione dell’odio…l’odio penetra la mente dei giovani bambini condizionandoli. E dopo? Dopo. Molto poco, si potrà fare per cambiare, il futuro. Se invece si fa condividere, un messaggio di pace, e si insegna, la religione nel contesto di una società multi razziale, e multi religiosa: i bambini, tutti, diventeranno poi degli uomini equilibrati, che saranno rispettosi e tolleranti… delle fedi, e delle idee degli altri! Questa è la sfida per tutti noi. Una sfida non solo per i leader religiosi. E’ una sfida, per tutti gli esseri umani . “…dallora imo girare il mondo non si è mai interrotto. Conobbi, ho conosciuto, conosco tanti Ebrei, Cristiani, Musulmani…il più delle volte parole di pace, parole di tolleranza, di reciprocità…la sintesi di quest’incontro, direi inaspettato, a Singapore, mi colpì. Un messaggio di poche parole sincere che avrei voluto ascoltare altre volte. Si! è nella scuola che ci formiamo il chi siamo e soprattutto una mentalità aperta ad ascoltare, ossia la Pace. Se insegniamo la religione nella dimensione dell’odio raccoglieremo odio…è questo il nostro obiettivo? non credo che questo esista nella parte profonda di ognuno di noi…quando accade è spesso un comportamento indotto dalle culture che ci hanno fatto crescere anche loro vittime di usanze tramandate che crediamo convinzioni. Parti di noi stessi. Lo so. Lo sappiamo. Guardarci da fuori e cercare di capire chi siamo in relazione al nostro prossimo non è facile. Per i credenti è un Santo, per gli altri semplicemente una persona che pensa nella libertà. L’importante incontrarci volendo condividere la pace, non antagonisti, o come più spesso si dice “costruttori di Pace”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.